Tanta amarezza per le ragazze del Subbuteo ad un passo dal trionfo mondiale in quel di Gibilterra

Le nostre ragazze ci hanno provato, sudato, sperato, creduto, ma si sono dovute arrendere alla tattica delle francesi.

La storia si è ripetuta malvagiamente, al Sabato per una straordinaria Eleonora Buttitta, alla Domenica per la squadra italiana Femminile. A Gibilterra, sede del mondiale 2018 di Calcio-Tavolo (il gioco del Subbuteo che si fa Sport) , è andato di scena una sfida Italia-Francia nelle competizioni in rosa, purtroppo con esito favorevole in entrambi i casi alle transalpine.

Il Subbuteo Club Bagheria si presentava con ben tre proprie rappresentanti, la giovanissima Rosalia Filippone (alla prima convocazione), Giuditta Lo Cascio e, come detto, Eleonora Buttitta.

Al Sabato il torneo individuale iniziava benissimo, con la debuttante Filippone fuori nel girone, ma solo dopo una gran bella vittoria contro la spagnola Elisabetta Carrassi.

Giuditta Lo Cascio faceva sognare un torneo da protagonista, ma qui era la francese Audrey Herbaut a fermarla ai quarti di finale con uno striminzito 1-2 colto a pochi secondi dal gong.

Per Eleonora la corsa continuava, Stéphanie Cécillon eliminata ai quarti, Irène Linquercq-Rivière in semifinale e di nuovo la bestia nera della bagheresi, la fortissima francese Audrey Herbaut. E’ stata una finale tiratissima, equilibrata, con la francese in vantaggio nel primo tempo e una Eleonora concentratissima come non mai. Nel secondo tempo la musica cambia e la nostra Buttitta riesce a cogliere il pari. Si va ai supplementari, dove la letale regola del Golden Gol assicura alla francese il sogno iridato. Per Eleonora la gratificazione della seconda piazza, dopo che già -l’anno scorso- era salita sul gradino più basso del podio.

Alla Domenica la nostra delegazione si presenta compatta e in grande spolvero, impreziosita dalla guida del Ct Stefano Buono, Capitano del Subbuteo Club Bagheria, scelto dalla Federazione per guidare il quintetto azzurro che comprendeva anche la milanese Paola Forlani e la napoletana Sara Guercia. Nazionale bagherese per 3/5 (oltre al Ct), un vero e proprio record.

Le italiane erano determinate, pur riconoscendo il valore delle francesi. 4-0 senza storia alla Spagna, 3-0 alla Germania, un ruolino di marcia sicuro per accedere alla finale contro la “solita” Francia. Ricordiamo che a squadre si gioca su 4 differenti campi, un po’ come in Coppa Davis nel Tennis.

La Finale inizia male e continua peggio, ma le nostre nel secondo tempo dimostrano che non siamo così distanti dalle transalpine e nel finale riusciamo ad accorciare chiudendo per 1-2.

Sul podio suona di nuovo la Marsigliese, come per il giorno precedente, ma le nostre giocatrici “a punta di dito” hanno assunto una nuova consapevolezza.

Oggi si lascia la terra di Gibilterra e ci si rituffa nelle attività del Club: a Novembre c’è il girone di andata di Serie B.

Francesco Lo Presti
Commenti

Redazione

Il nostro team, composto da giovani bagheresi, ha scelto questo nome proprio per riportare in vita lo spirito e l’importanza dell’antico Stratunieddu nel nuovo locus del sapere, il Web. Il nuovo blog di informazione si propone di informare i cittadini di Bagheria, e delle zone limitrofe, su ciò che accade intorno a noi.

More Posts

Follow Me:
Facebook