IMESI. Una grande realtà: Giovane centro di ricerca scientifica

Lo scorso Aprile I.ME.SI ha compiuto tre anni. Un progetto ambizioso e giovane, voluto e costruito da giovani.

L’acronimo I.ME.SI sta per Istituto Mediterraneo di Studi Internazionali, un centro di ricerca scientifica e formazione specialistica nel campo degli studi giuridici, politici, economici, storici, filosofici, sociali e culturali in chiave internazionalistica.

Circa tre anni fa da un gruppo di studenti e docenti dell’Università di Palermo nacque un’idea, l’idea che fosse necessario introdurre in Sicilia una realtà nuova, che costituisse uno spazio libero e apolitico dedicato alla ricerca e alla formazione, un’opportunità per gli appassionati di politica internazionale. Circa tre anni fa I.ME.SI era solo un’idea.

Mi piace riportare, quando penso a quell’idea, una frase pronunciata da Thomas Edison: “Il valore di un’idea sta nel metterla in pratica”. Se davvero le cose stanno così, se davvero il valore di un’idea sta nelle sue ricadute “reali”, allora è possibile affermare che quell’idea fu effettivamente un’idea brillante. Certo è che, dopo tre anni di impegno e di lavoro, quell’idea è più reale che mai e i progetti portati avanti dall’istituto lo dimostrano.

Sono attualmente in corso, infatti, due importanti iniziative: un corso di lingua e cultura Araba e un Diploma, giunto ormai alla sua terza edizione, che quest’anno ha richiamato docenti di alto livello provenienti da tutta Italia per discutere dei principali temi legati a Geopolitica e Relazioni Internazionali. Un’offerta formativa orientata a garantire percorsi di eccellenza a studenti, laureati e professionisti.

Accanto alle attività di formazione, altrettanto importante e meritevole di menzione è l’attività di ricerca e produzione scientifica proposta da Imesi. Un gruppo di giovani ricercatori entusiasti e appassionati cura infatti il sito dell’Istituto, che pubblica articoli e report sulle materie di cui sopra, anche in lingua inglese.  Il tutto sotto la sapiente guida di un Comitato Scientifico composto da docenti universitari, cultori, giornalisti e liberi professionisti. Il lavoro di ricerca, inaugurato da un semplice blog, si è andato via perfezionando e professionalizzando: è in cantiere, infatti, un progetto di grande importanza, una rivista scientifica che ufficializzerà il contributo di I.ME.SI al mondo accademico, costituendo un’ulteriore importante opportunità per i suoi giovani collaboratori.

Il duro lavoro condotto in questi anni  ha ricevuto importanti riconoscimenti: l’anno scorso all’Istituto è stata conferita la “Tessera Preziosa del Mosaico di Palermo”.

Così recita la pergamena consegnata dal sindaco Orlando: “All’Istituto Mediterraneo di Studi Internazionali, centro di ricerca in materia di diritto, geopolitica e flussi migratori, nato dalla volontà e caparbietà di giovani laureati palermitani intenzionati a non lasciare questa terra e a lanciare un messaggio di speranza e rinascita attraverso uno strumento di conoscenza, portando avanti un’intensa attività scientifica volta anche alla valorizzazione del panorama culturale della Città”.  Poche parole, ma pregne di significato e di verità, che descrivono alla perfezione la natura dell’impegno profuso nella crescita di un ambizioso progetto comune.

Altro importante riconoscimento, l’assegnazione, grazie al progetto “Palermo Capitale del Mediterraneo”, di un bene confiscato alla mafia, che è diventato, da pochi mesi, la sede ufficiale dell’Istituto.

Entrare a far parte del team I.ME.SI è semplice: si è da poco aperta, infatti, la Campagna Associativa 2018. Basta scaricare la domanda di iscrizione nel nostro sito e, per ulteriori informazioni, contattare la segreteria all’indirizzo email segreteria@imesi.org. Se sei invece uno studente universitario e desideri svolgere un tirocinio curriculare scrivi a tirocini@imesi.org.

Alessia Girgenti

 

 

 

 

Commenti

Salvatore Maggiore

24 anni, una laurea in Ingegneria Dell'Energia da condire con una magistrale ancora da completare. L'amicizia è un pilastro fondante della mia vita per cui mi dedico a dare spazio a Politica, Musica e Ambiente con cui sono in rapporti fraterni.

More Posts