Visit Palermo: una nuova svolta per il turismo?

È diventato ormai quasi virale il video che gira sui social su Bagheria e le sue bellezze, targato Visit Palermo. Si tratta di un video di presentazione del territorio Bagherese che ha avuto una grande risonanza, suscitando anche dello stupore tra i cittadini Bagheresi, forse perché non avevano mai visto tutte le bellezze della propria città tutte in una volta ed in pochi minuti. L’amministrazione comunale stessa ha utilizzato tale video per promuovere il territorio.

Molti di voi però si saranno chiesti cosa fosse “Visit Palermo” e perché si fosse scomodato tanto a ritrarre Bagheria nelle sue parti migliori. Visit Palermo non è altro che un progetto che fa parte dell’azienda Marketing Italia, team di professionisti specializzati in comunicazione d’impresa e marketing aziendale che ha sviluppato al suo interno cinque diversi progetti tutti dedicati al turista che si trova in Italia e che a loro si affida per le proprie vacanze. Ideatore del progetto Marketing Italia è il giovanissimo ventottenne Ruben Santopietro, che durante un viaggio a Londra si è imbattuto nella pagina social di Visit London, e si è chiesto perché non sviluppare lo stesso format qui in Italia. Da qui nasce Visit Naples, che sin da subito ha avuto un boom di like e visualizzazioni all’interno dei social. Proprio perché la case history napoletana ha avuto così grande successo,  il progetto si è esteso successivamente anche ad altre città italiane come Perugia, Bari e Palermo. L’obiettivo del “Visit City” è quello di promuovere il territorio di una città mettendo alla portata di smartphone tutti i principali luoghi di interesse del territorio pubblicizzato, nel modo più attraente e social possibile. Visit City tende a far emergere dalla città il meglio di se e lo porta non solo fuori dalla città stessa per farlo conoscere ai turisti stranieri, ma soprattutto al suo interno, in modo che gli italiani, gli abitanti della regione di riferimento ed i cittadini stessi vedano il loro territorio sotto una luce differente. Per uno strano paradosso i cittadini conoscono poco del luogo in cui vivono, delle sue bellezze, delle sue caratteristiche, mentre sarebbe fondamentale il contrario, in quanto a consapevolezza e identità territoriale, fondamentali per sviluppare un turismo domestico. Visit Palermo infatti con i suoi video, le sue foto che ritraggono non solo le bellezze storiche, architettoniche ma anche quelle naturali e culinarie, ha portato alla luce un lato di Palermo che per molti era sconosciuto, e quando si è occupata di documentare il grande evento Dolce&Gabbana tenutosi a Palermo il 7 luglio c.a. ha dato dimostrazione di quanto una città, diffamata per decenni sia stata in grado di risplendere di tanta bellezza, facendo da cornice e rendendo ancora più affascinante un evento che risplendeva già di luce propria. Questo progetto da infatti alle città, soprattutto a quelle del sud, una possibilità di riscatto. Riprendendo infatti il caso “Visit Naples”, è da poco stato pubblicato nelle loro pagine social un video in risposta ad una lista delle città più pericolose al mondo pubblicata dal giornale inglese “The SUN”, all’interno della quale Napoli è stata inserita. Premesso il fatto che a livello internazionale Napoli sia da pochissimo uscita da questa lista, “Visit Naples” ha voluto rispondere, con un video, a tale articolo in maniera ironica ma significativa. Nel video infatti vengono riprese da vicino delle scene che alludono ad azioni criminali e che poi si svelano essere momenti quotidiani della vita a Napoli: il coltello sporco ma di ragù, la striscia di polvere bianca non è altro che farina per l’impasto di una pizza, i ragazzi che tentano lo scippo stanno solo rincorrendo un pallone.

All’interno del progetto “Visit Palermo” è entrato a far parte anche il territorio di Bagheria, data la presenza di elementi storici, architettonici e naturali così interessanti. Così Visit Palermo ha realizzato il video di presentazione su Bagheria, ricordando in primis ai cittadini del potenziale che la nostra città nasconde in se e pubblicizzando il nostro territorio all’interno di una piattaforma in rete di ampia portata.

Chissà che questo progetto non possa determinare una svolta a livello turistico per la città di Palermo, e perché no anche per la città di Bagheria, ce lo auguriamo.

 

Mariateresa Mineo

Commenti

Redazione

Il nostro team, composto da giovani bagheresi, ha scelto questo nome proprio per riportare in vita lo spirito e l’importanza dell’antico Stratunieddu nel nuovo locus del sapere, il Web. Il nuovo blog di informazione si propone di informare i cittadini di Bagheria, e delle zone limitrofe, su ciò che accade intorno a noi.

More Posts

Follow Me:
Facebook